Human Connection per la Neonatologia di Pescara

"Mamma, Papà, raccontami una storia, cantami una canzone" E' stato presentato alla stampa sabato 7 settembre 2019, presso l'Unità Operativa Complessa Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale (6° piano - Ala Est) dell'Ospedale di Pescara il progetto "Mamma, Papà, raccontami una storia, cantami una canzone" nonchè il "Mami Voice" alla presenza dell'assessore regionale alla salute Verì e del Direttore Medico ff Susanna Di Valerio.

Il reparto di neonatologia, in un ottica di umanizzazione delle cure, ha deciso, dal 18 Agosto 2019 di aprire le proprie porte ai genitori H24. Da recenti studi, infatti, è emerso che un ruolo importante nella terapia intensiva è il "fattore M", M come mamma intesa come caregiver: la sua voce parlata o cantata aiuta in modo sensibile la crescita e la stabilizzazione del neonato prematuro. Nasce così il progetto "Mamma, Papà, raccontami una storia, cantami una canzone" in collaborazione con l'associazione "L’abbraccio dei prematuri" e con il progetto di JooMa "Human Connection". Il progetto si impegna a diffondere le "buone pratiche" per i genitori di nati prematuri, come il cantare o il raccontare storie ai loro bambini in terapia intensiva. In quest'ottica il reparto di Neonatologia può contare, da pochi giorni, anche sul "Mami Voice", uno strumento che si collega all'incubatrice che registra tramite un'app e poi riproduce la voce dei genitori all'interno permettendo ad ogni bambino di godere dell'effetto terapeutico della voce durante tutta la permanenza nel reparto.

L'associazione "L’abbraccio dei prematuri" per sostenere l'acquisto della "Mami Voice" ha organizzato una lotteria con estrazione il 9 dicembre 2019. Chi vorrà, inoltre, potrà dare un suo libero contributo all'IBAN IT2200711677000000000000027 oppure attraverso il 5x1000 (CF 91115760687) .

 

Categoria:

JooMa utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.